“La vita è un soffio!” Ultimamente ripeto sempre questa frase, un po’ ironicamente, un po’ con coscienza, perché gli eventi importanti e prepotenti che si incontrano nel corso della vita ti portano a dare un valore più sano a pensieri e azioni (o almeno così dovrebbe essere). Se la tua vita terrena finisse fra un mese, sentiresti di aver realizzato tutto quello che volevi realizzare? Sentiresti di avere avuto intorno le persone che realmente amavi avere intorno? Saresti certo di lasciare a chi rimane l’idea ed il valore di quello che davvero eri? Qualche mese fa mia madre ha lasciato il suo corpo fisico; unaLeggi altro →

Spread the love

Andare o restare? Ogni decisione ha in sé sostanzialmente una dualità. Ma la nostra Anima sa, in noi c’è già una vocina che bisbiglia la strada da prendere, spesso quella meno comoda. Giá, perché uscire fuori dalla propria comfort zone non è come bere un bicchiere d’acqua. E spesso accanto alla vocina che bisbiglia, c’è un “vocione” che batte i pugni sul tavolo e ti urla il contrario. Eccomi qui, sulla cima di una montagna con le ali attaccate alle braccia con un dilemma: mi lancio o non mi lancio? (In realtà già ho deciso…) Se faccio passare tempo, se ci penso e ci ripensoLeggi altro →

Spread the love

Dico spesso agli studenti che lo Yoga “si deve vedere nella vita”, quando cambia il modo di approcciarsi alla quotidianità e ai passaggi importanti che ognuno di noi inevitabilmente affronta. Si lavora sul corpo e con il corpo per rinforzare la propria mente. Si eseguono gestualità, movimenti, esercizi che possono modificare la nostra abitudine di percepirci per come siamo abituati a fare. E quando arriviamo a questo, siamo in gradi di cambiare tutto intorno a noi. La pratica del Kundalini Yoga è un luogo di trasformazione Non si tratta di toccarsi la punta dei piedi o di mettersi a testa in giù; parliamo di unaLeggi altro →

Spread the love

Chi di voi ha mai partecipato ad un ritiro Yoga? Per me è un’esperienza rivoluzionaria, ogni volta unica, a volte più intensa, ma che porta con sé sempre una trasformazione. Anche avere la possibilità di guidare un ritiro yoga lo è, e permette di scendere in una profondità che in altri contesti richiederebbe molto più tempo. Per gli Yogi sono una pratica antichissima: ritirarsi in una grotta per trovare il silenzio e la solitudine era una parte fondamentale della loro vita. Esistono molti tipi di svago per chi vuole prendersi del tempo libero, ma a volte una “vacanza” non ti dà “l’essenza” che stai cercando.Leggi altro →

Spread the love

La fibromialgia è una condizione cronica caratterizzata da dolore diffuso, in particolare alle articolazioni e ai tessuti connettivi, affaticamento, disturbi del sonno e ansia. Di difficile diagnosi, induce depressione, proprio per questa convivenza forzata con il dolore e la stanchezza. Purtroppo ad oggi la causa è sconosciuta e non esiste una cura precisa; e poiché molte persone appaiono sane viste dall’esterno, i loro sintomi non vengono sempre presi sul serio. I farmaci contro il dolore, poi, non sempre aiutano, così i ricercatori hanno iniziato a sperimentare lo yoga per i pazienti con fibromialgia. Uno studio in America ha dimostrato che una pratica costante di KundaliniLeggi altro →

Spread the love

Due individui con il proprio trascorso si uniscono dando vita a qualcosa di nuovo e unico: una relazione. Sono necessari molti errori e numerose prove per non arrivare alla chiusura di una storia; e, che ci piaccia o no, molte relazioni finiscono con la rottura. Non c’è nulla di sbagliato in una storia che finisce, il difficile è uscirne con delicatezza e senza prolungare il dolore. Il Kundalini Yoga è un ottimo strumento di supporto per molti aspetti. Dopo una rottura, abbiamo la tendenza a soffermarci sul passato o, a volte, fantastichiamo sul futuro che sarebbe potuto essere. Una pratica regolare di Kundalini Yoga ciLeggi altro →

Spread the love

Hey tu… Che cos’è per te la felicità? Prima di continuare a leggere fermati un momento. Pensaci. Cosa ti viene in mente? Cosa senti? Spesso crediamo che la felicità ci sia quando otteniamo ciò che vogliamo; che derivi dal soddisfare i propri desideri. Beh, sicuramente in questo caso c’è appagamento, contentezza, ma se perdiamo l’oggetto della nostra presunta felicità? Nella visione yogica, siamo più felici quando siamo in grado di elevare qualcuno o trasformare una dura realtà, una situazione difficile, anche se ci costa qualcosa, spesso molto. Non si tratta di “semplice” aiuto, ma di cuore aperto e fiducia (da un po’ di tempo è diventatoLeggi altro →

Spread the love

La vita in alcuni momenti può travolgerti. Emozioni forti, cambiamenti importanti, ritmi frenetici, periodi intensi di lavoro… Tutto può farti “perdere”, tutto può prendere la guida della tua esistenza senza che nemmeno te ne renda conto. Ti ritrovi a vivere, spesso anche efficientemente, tutto quello che arriva senza pensare che qualcosa potrebbe andare diversamente, a volte sentendoti schiacciato, senza via d’uscita. Per poi svegliarti un giorno e dire “che cosa ho fatto?” o “come sono arrivato a questo punto?” o ancora “perché non l’ho fatto prima?” E se ti dicessi che tu puoi diventare padrone delle tue emozioni, del tuo spazio e del tuo tempo?Leggi altro →

Spread the love

Quante volte vi hanno detto “non disperare, a tutto c’è una soluzione”, o “alla fine tutto si risolve”?! Quando ci troviamo in una situazione difficile, vediamo la soluzione lontana e difficile da raggiungere o addirittura non la vediamo proprio. Ma è vero: ogni problema ha in realtà diverse soluzioni, e spostando l’attenzione dal problema stesso, se necessario anche con l’aiuto di qualcuno, si arriva alla risoluzione. Ci sono però effettivamente delle questioni, delle situazioni che non hanno soluzioni, ma di fatto non sono problemi, bensì realtà. La vita ci mette di fronte ad eventi, a volte inaspettati, in cui non ci è richiesto di risolvere qualcosa, maLeggi altro →

Spread the love

Non esiste quasi niente nella mente che non ci sia stato raccontato. Sin da piccoli i genitori ci danno informazioni utili alla nostra sopravvivenza: il fuoco brucia, l’acqua bagna, il cibo nutre, ecc. ecc. Ma spesso aggiungono a queste informazioni i loro vissuti e le loro opinioni che possono modificare il nostro modo di conoscere o vedere le cose. Esempio: “l’inverno fa freddo e non si esce da casa“, in Islanda i neonati vengono fatti addormentare fuori casa per temprarli; capite bene che l’idea del freddo di un bambino italiano e di un bambino nordeuropeo non possono che essere diverse. Per questo molti concetti, molteLeggi altro →

Spread the love

Nel 2018 l’energia si sposterà rapidamente, con un flusso più intenso che mai, offrendo numerose opportunità che dovremo essere in grado di gestire. Nella numerologia tantrica ogni numero dall’1 all’11 ha una propria frequenza ed è in relazione ai 10 corpi. 11 è la somma complessiva delle cifre che compongono l’anno 2018. 11 è la frequenza vibratoria di tutti e 10 i corpi, proprio come il bianco contiene le frequenze vibratorie di tutti i colori. C’è un senso intrinseco della visione nel numero 11: non ci sentiremo più soddisfatti di quello che c’è, tutto sembrerà vecchio, in ogni area della vita. Quindi saremo spinti a cambiare.Leggi altro →

Spread the love

Le relazioni possono essere complicate. Anche quando si prova amore. Sono da gestire. L’amore è semplice. E’ lì. Ma l’amore viene portato in giro da persone che lo vogliono donare e ricevere. Io ti dò amore, tu mi dai amore; o più specificatamente: io ti do amore se tu me lo ridai come dico io. Parlo di coppia, ma anche di famiglia, di amicizia. Mi è rimasta impressa una lettura di Yogi Bhajan che grossomodo diceva così: se inviti un amico a cena, gli prepari da mangiare, apparecchi, gli apri le porte di casa tua, gli stai offrendo qualcosa. Non inviti un amico dicendogli “portatiLeggi altro →

Spread the love

Lo scopo della meditazione è quello di pulire il subconscio al fine di alleggerire la mente e sintonizzarsi con la propria anima. Nel Kundalini Yoga usiamo varie forme di meditazione: silenziose, statiche, con dei mantra, dinamiche, ecc. Non ne esiste una più valida dell’altra, sono modalità diverse che vanno sperimentate. La meditazione silenziosa ci rende consapevoli di molti pensieri che durante la quotidianità sfuggono, ci avvicina quindi al subconscio, ma non è sufficiente a cambiarlo nel profondo; per farlo recitiamo i mantra che contengono al loro interno la potenza dell’infinito, stimolando con la lingua alcune zone del palato tocchiamo specifiche aree del sistema nervoso, e induciamo così unaLeggi altro →

Spread the love

Quante volte si sente il bisogno di aiutare chi è in difficoltà? Secondo me è una tendenza naturale dell’uomo, che oggi purtroppo sembra richieda impegno e tempo smisurati. Alcune persone quando stanno passando un periodo pesante la vedono come una cosa impossibile da sostenere, altre invece ci si rifugiano, a volte quasi per non sentire se stessi. Ma quello di cui voglio parlare è il servizio totalmente disinteressato, svolto senza alcuna aspettativa di risultato o ricompensa, con umiltà, rispetto e amore, in cui è l’atteggiamento mentale che fà la differenza: si riconosce il legame tra chi serve e chi è servito. C‘é un termine di origine sanscritaLeggi altro →

Spread the love

Quando ci sentiamo amati, in qualche modo, ci sentiamo invincibili, abbiamo la sensazione che tutto sia possibile, e che anche i problemi più complessi, siano più risolvibili. Gli stessi problemi, spesso, ci appaiono insormontabili se non abbiamo una persona al nostro fianco, se non ci sentiamo amati; li affrontiamo perché dobbiamo, ma ci sembra di dover investire il triplo delle forze, del tempo e delle energie. Un’importante perdita di forza, la più grande a mio avviso, c’è quando viene a mancare un genitore, o un nonno, o un familiare speciale per noi. Anche se siamo adulti e indipendenti, anche se quella persona non si prendevaLeggi altro →

Spread the love

Si parla sempre più spesso di quanto è importante amare se stessi, prendersi cura di se stessi, riservarsi del tempo per le proprie cose. E sempre di più si va alla ricerca di momenti di relax, o divertimento, o spensieratezza; a volte in compagnia, altre in solitudine. A volte si ha voglia di stare in mezzo alla confusione, di passare una serata “diversa”, per far tacere i propri problemi; altre volte si sente la necessità di scappare da tutto e tutti, di isolarsi e di ritrovare se stessi. Va bene tutto, ma cosa accade quando si rientra nella propria quotidianità? Cosa succede quando il telefonoLeggi altro →

Spread the love

Spesso si classificano i problemi in base alla potenziale gravità, ma quelli che per qualcuno sono problemi irrisolvibili, da altri non sono neppure considerati tali. Oppure la valutazione personale cambia a seconda del periodo che si sta attraversando: magari quando si è sottoposti ad un periodo intenso di stress si può “ingigantire” la difficoltà. Quello che però spesso facciamo è fissare la nostra attenzione solo sul problema e andiamo alla ricerca delle possibili cause, rimuginiamo, non dormiamo, il nostro pensiero è talmente bloccato che non si hanno occhi per le possibili soluzioni. In passato c’era la tendenza a cercare le ragioni per trovare una risoluzione,Leggi altro →

Spread the love

Quante volte ci siamo posti la domanda “meglio seguire le emozioni o la ragione?” Meglio riflettere o scegliere di pancia? Poeti, scrittori, artisti, filosofi hanno trascorso la loro vita a sostenere una o l’altra teoria… Siamo abituati a considerare la mente come la dimora della razionalità, del pensiero logico, e nel cuore o nella pancia lochiamo l’istinto, le emozioni. Alcuni quindi si definiscono razionali o riflessivi, altri istintivi e passionali. Abbiamo tutti, comunque, la tendenza a cercare motivazioni, spiegazioni, anche per cose emotive che razionalmente è impossibile spiegare. Ciò che invece non osserviamo affatto sono le modalità con cui percepiamo quello che ci accade. Ogni eventoLeggi altro →

Spread the love

Nei kriya del Kundalini Yoga Bandha è una parola Sanscrita che significa legare, afferrare o stringere. Sta ad indicare delle contrazioni o chiusure di alcune parti del nostro corpo che utilizziamo durante la pratica degli Asana per racchiudere l’energia del corpo in determinati punti ed evitare che si disperda. In generale i bandha che usiamo nel nostro corpo sono tre. Oggi ci dedicheremo al Mula Bandha, ovvero la contrazione di ano, genitali e ombelico. Questo blocco sostenuto a livello della radice (in sanscrito Mula, appunto) tonifica i muscoli interni e sviluppa il controllo, il risveglio e la “risalita” dell’energia Kundalini. Parliamo quindi della zona del primo chakra, cheLeggi altro →

Spread the love

Movimento. Tutta la nostra esistenza è basata sul movimento e ogni cosa comincia con un movimento. Pensate agli spermatozoi che corrono verso l’ovulo… Noi “iniziamo” con un movimento. E tutto il nostro organismo è in continuo movimento, pensiamo al cuore che pulsa, al sangue che fluisce, alle cellule che si organizzano e lavorano incessantemente… Tutto si muove anche se noi non ce ne rendiamo conto: i nostri organi continuano a funzionare anche quando stiamo dormendo. Tutto è perfetto in natura. Prima di qualsiasi movimento però succede sempre qualcosa: Niente. Già… il Nulla. Foglio – matita – disegno. Buio – interruttore – luce. Silenzio – chitarra – suono.Leggi altro →

Spread the love

Il maschile e il femminile formano un’unione, e questa unione completa è la più grande forma di Yoga. Yogi Bhajan Si sa… Gli uomini e le donne non sono uguali, hanno energie diverse. Quello che forse non inquadriamo bene è che l’energia di uno è necessaria a quella dell’altro e spesso, anziché usarla come opportunità per elevarci, la critichiamo con luoghi comuni un pochino inutili. Questo fondamentalmente avviene perché non conosciamo come funziona una donna o un uomo, ma in primis non conosciamo come funzioniamo noi. Secondo gli insegnamenti del Kundalini Yoga, l’uomo è governato dal sole, la donna dalla luna. Il sole è fermo,Leggi altro →

Spread the love

Qualche mattina fa ero triste per una notizia ricevuta. Mi sono ritrovata ad aprire Facebook e a rispondere ad un post con una faccina che rideva. Poi, come se stessi vedendo un film, mi sono osservata: stavo piangendo, ma i miei “amici” sapevano che stavo ridendo. Stavo comunicando qualcosa che non era affatto vero. Se avessi avuto fisicamente una persona davanti a me non avrei di sicuro riso. Quante volte succede ad ognuno di noi? Quante volte pensiamo di essere entrati in contatto con qualcuno semplicemente perchè lo abbiamo “incontrato” su un social? Quante volte stiamo con il telefono in mano o con il pcLeggi altro →

Spread the love

Mi piace sempre dire agli studenti che il Kundalini Yoga perde d’importanza se relegato solo alle ore di lezione a cui si prende parte: deve manifestarsi nella vita quotidiana, nei pensieri, nei cambiamenti, nei momenti di fermo… Sempre. Io sono un’insegnante di Kundalini Yoga, e lo sono sempre. Le mie responsabilità non sono solo mostrare le posizioni, spiegare le meditazioni o guidare le lezioni. La mia più grande responsabilità è essere vera, integra e connessa. Non mi posso raggirare o imbrogliare; non posso scappare da me. Yogi Bhajan diceva “l’Insegnante che non diventa un perfetto studente non diventa un perfetto Maestro.” Per questo è necessarioLeggi altro →

Spread the love

Un abbraccio è un gesto volto ad esprimere affetto o amore che consiste nello stringere le braccia e le mani attorno al corpo di un’altra persona. L’abbraccio richiede che il busto delle persone interessate sia combaciante reciprocamente. Si tratta di una delle forme di effusione più diffuse fra gli umani. (cit. Wikipedia) Recenti studi scientifici hanno riscoperto il potere terapeutico dell’abbraccio: se dura almeno 20 secondi stimola la produzione dell’ormone dell’ossitocina detto anche ormone dell’amore. Questa sostanza apporta molti benefici alla nostra salute mentale e fisica: aiuta a rilassare, calma paure ed ansie, aumenta il senso di sicurezza. Vero è che l’abbraccio comunque è unaLeggi altro →

Spread the love

L’atto sessuale costituisce, senza alcun dubbio, uno dei massimi piaceri dell’essere umano. Ma non sempre è pienamente appagante. Quand’è che l’unione sessuale può definirsi completa? Sicuramente quando mente corpo e cuore sono allineati. Ora parliamo di sesso, ma potremmo riportare questo discorso ad ogni aspetto della vita: il lavoro, le amicizie, il cibo, la musica… Dobbiamo solo soffermarci su una questione fondamentale. La struttura dell’essere umano, struttura che lo porta a differenziarsi da ogni altra essere vivente. Partiamo dalle piante. Fiori e alberi sono senza dubbio essere viventi. Nascono, crescono. si riproducono, muoiono. Il regno vegetale quindi ha un vero e proprio ciclo vitale. QuestoLeggi altro →

Spread the love

Parliamo di Sahasrara, il settimo chakra. La sua apertura equivale all’illuminazione del saggio, e la possiamo riconoscere quando, anche per brevi momenti, percepiamo una meravigliosa sensazione di identificazione dell’io con la realtà esterna. Con lo sviluppo di questo chakra (per il quale non esistono dei blocchi veri e propri, ma diversi livelli di sviluppo), questi momenti magici diventano via via più frequenti. E tutto questo può avvenire all’improvviso. Si avrà l’impressione di essersi svegliati da un lungo sonno confuso. Allora si è in grado di tradurre in parole e in azioni i disegni del Grande Architetto, dove non esistono bene e male, giusto e sbagliato,Leggi altro →

Spread the love

Parliamo del sesto chakra, il famoso “terzo occhio”, l’occhio della mente, l’occhio che vedendo crea… In questo caso per “vedere bene” non basta aprire gli occhi, ma bisogna imparare a vedere con gli occhi interiori e dare ascolto al proprio maestro invisibile. Il sesto chakra risiede alla radice del naso, sulla fronte. A livello fisico controlla gli occhi, il naso, le orecchie, il sistema nervoso. Quando è in squilibrio si possono manifestare emicranie, tensioni oculari, problemi di vista, disturbi alle orecchie, nevrosi, disturbi del sonno, incubi. A livello energetico questo chakra controlla il pensiero, l’intuizione, la saggezza interiore, la consapevolezza. Controlla le azioni del vedere,Leggi altro →

Spread the love

Il chakra della gola, il quinto centro energetico, si occupa di comunicazione. Comunicare le proprie emozioni, i propri pensieri, le proprie sensazioni. Comunicare attraverso la parola, l’arte, la creatività. Portare all’esterno una parte di noi senza paura, con gioia e serenità. Possiamo localizzare questo chakra proprio all’altezza della gola, punto simbolico del passaggio tra l’interno e l’esterno del nostro corpo, punto in cui le nostre emozioni e i nostri sentimenti incontrano la piena manifestazione. Qui si esprime tutto ciò che di vivo è in noi: il pianto, il riso, la gioia, il dolore, l’aggressività, la paura… Chi ha il quinto chakra in equilibrio comunica volentieriLeggi altro →

Spread the love

Da sempre associamo l’amore al cuore. Il cuore è il centro del nostro corpo. E spesso le questioni d’amore sono proprio al centro dei nostri pensieri… Ma perchè soffriamo per amore? Perchè abbiamo problemi di relazione? Perchè non riusciamo ad innamorarci? Anche in questo caso la tradizione della medicina ayurvedica ci viene in soccorso e ci aiuta a portare luce e chiarezza sulle dinamiche che le questioni affettive scatenano in noi. Parliamo di centri energetici, parliamo di chakra, parliamo del quarto chakra, parliamo di Anahata, il cosiddetto “Chakra del Cuore”. A livello fisico Anahata è posizionato al centro del petto e controlla i polmoni, ilLeggi altro →

Spread the love

Parliamo del terzo chakra: Manipura. Manipura corrisponde al plesso solare, controlla la zona compresa tra la bocca dello stomaco e l’ombelico. A livello fisico infatti controlla l’apparato digerente e il fegato. A livello energetico è responsabile degli stati di paura e frustrazione. E’ per eccellenza il chakra “malato” della civiltà occidentale, in quanto solo pochi fortunati o coraggiosi manifestano la propria pura natura e svolgono attività che davvero amano. Difficilmente accettiamo i nostri desideri, le nostre volontà, i nostri sentimenti e le nostre esperienze così come sono. Solo pochi di noi vivono il presente consapevolmente e a pieno, amando, soffrendo, imparando… Spesso ci opponiamo allaLeggi altro →

Spread the love

Svadhishthana. Il secondo Chakra. E’ il centro energetico collegato al nostro inconscio che esercita una notevole influenza sul nostro cervello. Collocato nella zona bassa dell’addome, sotto l’ombelico, è il centro che controlla le nostre emozioni più vere e profonde, quelle che a volte facciamo fatica a riconoscere persino noi stessi. Non a caso, anche nella nostra medicina tradizionale, si è soliti affermare che l’intestino è il secondo cervello dell’uomo e, non appena si presenta un periodo di tensioni mentali o emotive, la nostra pancia inizia a fare i capricci. Coliti, stipsi, tensioni e gonfiori addominali, problemi renali, disturbi degli organi riproduttivi, diabete, cattiva circolazione linfaticaLeggi altro →

Spread the love

Parliamo di concretezza, di radici, di sostegno. Parliamo del primo chakra: Muladhara. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa controlla il primo chakra, cosa succede se non è in equilibrio, e come si può armonizzare. Stabilità, sicurezza, sopravvivenza, sono le qualità controllate dal primo centro energetico. Non a caso, è raffigurato nel corpo come il gradino di base sul quale poggiano gli altri. E’ importante rinforzarlo proprio perchè crea le basi solide per lo sviluppo degli altri chakra. Ha la funzione di rendere solido, di mettere radici, di occuparsi di tutto ciò che è materiale, concreto. Stimola le funzioni primarie legate alla sopravvivenza: il nutrirsi, ilLeggi altro →

Spread the love

Tristezza, ansia, paura, malinconia… ognuno di noi nel corso della vita ha vissuto queste “scomode” sensazioni. E magari allo stesso tempo soffrivamo di disturbi fisici, più o meno intensi, come insonnia, mal di stomaco, mal di testa, dolori muscolari… Nella medicina olistica niente è un caso. Ogni sintomo che proviamo a livello fisico, parte da uno squilibrio a livello emotivo ed energetico. La medicina ayurvedica, in particolare, ci ha messo a disposizione un chiaro sistema di centri energetici che controllano ogni sintomatologia del nostro corpo e della nostra psiche: i chakra. I chakra formano vortici di energia che rendono possibile l’integrazione tra soma e psiche.Leggi altro →

Spread the love